LA SPORTIVA E SCIACCHETRAIL®: una partnership che va oltre la competizione.

 In blog, cinque terre

Mancano quasi due mesi alla V^ edizione dello Sciacchetrail. Ecco alcune riflessioni dal nostro Main Sponsor La Sportiva Spa, con noi fin dalla prima edizione. Da leggere per comprendere un percorso di convergenze e assonanze nello spazio di una corsa. 

(Ziano di Fiemme- Trento 24 gennaio 2019) – E sono cinque! Cinque edizioni di Sciacchetrail: ce n’è per tirare qualche somma e dare alle cose un senso più completo. Accade abbastanza spesso che tra simili ci si attragga anche quando sembrerebbe casuale, però il tempo, presto o tardi, svela certe convergenze.
Quando cinque anni fa La Sportiva ha creduto in questo meraviglioso evento non ci siamo posti molte domande: ci è piaciuto e basta.


Ci è piaciuto il suo non essere fine a se stesso, ma l’essere profondamente legato al suo territorio che non è solo coreografia o pretesto per avere facile notorietà, ma è l’essenza stessa dell’evento.

2018 Ph. Alice Russolo – La Sportiva – Clare Gallagher


Sciacchetrail esiste per raccontare in modo coerente che le Cinque Terre sono state create dall’uomo per viverci coltivando la vite e l’olivo e che l’uomo deve continuare a mantenere questo antico equilibrio, altrimenti tutto crolla, in senso figurato e materiale.

Le Cinque Terre, come molti altri luoghi della terra sono il risultato di un lavoro di adattamento reciproco tra l’uomo e l’ambiente che ha richiesto secoli.


E’ questa lentezza che ha permesso che questo avvenisse con equilibrio.

La consapevolezza di questo valore è minata dalla violenza e dalla rapidità con cui l’uomo sta modificando, anche irreversibilmente, gli equilibri necessari ad un buon ambiente e ad una buona vita. 

Clare Gallagher dalla parte dello Sciacchetrail

2018 Ph. Alice Russolo – La Sportiva – Clare Gallagher

Ci vuole molta consapevolezza quando un territorio diventa un luogo turistico perché è facile trasformare una risorsa preziosa in un elemento di destabilizzazione e poi di distruzione sociale e materiale.
E’ accaduto e sta accadendo in molti altri posti, talvolta con danni irreversibili. Gli strumenti per realizzare cose splendide oppure pessime sono gli stessi: la cultura, i mezzi di comunicazione, i mezzi di trasporto e il denaro, tutti strumenti molto più accessibili di una volta. Cambia solo il modo di adoperarli.

Anche per noi di La Sportiva queste sono priorità e le concretizziamo col lavoro di tutti i giorni, in azienda ed attraverso le nostre collaborazioni, tramite i nostri prodotti ed il nostro agire.

La prima scelta coerente è quella di essere rimasti là dove siamo nati 90 anni fa: in Val di Fiemme dove abbiamo sede, una parte dei magazzini e la fabbrica che produce calzature da arrampicata e da alpinismo.

2018 Ph. Alice Russolo – La Sportiva – Anton Krupicka

Trasferirci in un distretto industriale consentirebbe economie e razionalizzazioni, ma semplicemente perderemmo la nostra anima. Nel 1997, prima azienda al mondo nel settore calazaturiero/outdoor, abbiamo conseguito la certificazione ISO 9002 della qualità del processo produttivo, evolutasi ed allargatasi nel 2003 con l’estensione all’impatto ambientale.
Da allora è stato un susseguirsi di scelte sempre orientate alla sostenibilità culminate oggi con l’entrata nell’eco-sistema di 1% for the planet che di fatto attesta che, con riferimento al settore dell’abbigliamento in particolare, l’azienda investe l’1% del suo turnover in iniziative pro ambiente.

Il ciclo produttivo è volto al miglioramento continuo attraverso l’economia circolare, il re-impiego di scarti di lavorazione e nella scelta delle materie prime: privilegiamo quelle di origine naturale e/o reciclate. E’ un evolversi continuo perché scegliamo fornitori che condividano questo percorso e sappiano trovare via via nuove soluzioni.
Sarebbe molto lungo raccontare nel dettaglio tutto quanto, ma il nostro bilancio di sostenibilità né dà un’ampia panoramica: https://www.lasportiva.com/it/csr

 

Queste attività e molte altre ancora che si estendono ad un approccio quanto più ad impatto zero diffuso in tutta l’azienda e nei nostri collaboratori esterni, ci accomunano ad un livello molto profondo proprio con Sciacchetrail, progetto nato anche e soprattutto per valorizzare un’area, un territorio, e difenderlo dallo sfruttamento intensivo del nostro vivere odierno.

 

Molto più di una semplice gara e molto più di una semplice sponsorizzazione. Ad maiora.

Foto credit: Alice Russolo

Recommended Posts

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search